Tra la fine dell’estate e l’inizio della stagione autunnale, occorre preparare il terreno per le nuove colture invernali.

Prima che arrivino le intense piogge autunnali, infatti, bisogna muovere e lavorare il terreno con l’ausilio di macchinari diversi a seconda delle dimensioni dell’appezzamento, della profondità dello strato attivo superficiale (di solito i primi 30-50 cm), del tipo di coltura che si vuole effettuare. Per prima cosa, comunque, occorre appianare eventuali irregolarità nel terreno e lavorarlo per evitare ristagni e per favorire un buon drenaggio in vista della pioggia. Sarebbe buona norma, inoltre spargervi un concime organico se si intende creare un orto invernale dove coltivare insalata, cavoli, finocchi e tutti quegli ortaggi e verdure che il clima della nostra zona ci consente.